FAQ – DOMANDE FREQUENTI

Imfer:Home/FAQ – DOMANDE FREQUENTI
FAQ – DOMANDE FREQUENTI 2017-07-07T10:12:16+00:00

Sterilità. Quando considerarla?

Si considera che una coppia abbia problemi di sterilità quando non ha ottenuto la gravidanza in un anno di rapporti sessuali senza protezione, con una frequenza di coito adeguata (1 ogni 3 giorni circa, senza necessità di programmarli in concomitanza con l’ovulazione).

Perché io?

La probabilità di gravidanza ogni mese in una coppia sana è del 20-30% circa, e circa dell’85% dopo 1 anno. Si considera che in Spagna vi siano circa 700.000 coppie infertili, con un’incidenza di 44.000 casi nuovi ogni anno. Questa tendenza è in aumento.

Le cause della sterilità possono essere sia maschili (35%) che femminili (35%). Le cause miste rappresentano circa il 20%, mentre il 10% restante è da attribuire alla sterilità di origine ignota.

Sterilità o infertilità?

Sterilità e infertilità sono due termini che si usano indistintamente nella lingua corrente. In realtà, però, il loro significato è diverso: la sterilità è l’incapacità di ottenere una gravidanza, mentre l’infertilità è l’incapacità di portarla a termine (come nel caso degli aborti ripetuti). In entrambi i casi si può trovare una soluzione grazie alla riproduzione assistita.

Perché ci sono sempre più coppie che hanno questi problemi?

La sterilità è un problema che tende ad aumentare. Le ragioni che spiegano questa tendenza sono fondamentalmente due:

  • L’età sempre più avanzata a cui la donna comincia a cercare di avere un bambino provoca una riduzione del tasso di fecondità. Attualmente, per ragioni economiche e professionali, le coppie tendono a rimandare il momento di avere bambini. Anche se il momento ideale è tra i 20 e i 30 anni, la maggior parte delle coppie decidono di averne tra i 30 e i 40 anni, o anche più tardi. È notorio che l’età della donna è il fattore determinante quando si tratta di ottenere una gravidanza.
  • Calo della fertilità maschile. Negli ultimi decenni è stato osservato un calo molto significativo riguardo alla quantità e alla qualità dello sperma. L’inquinamento, la dieta e lo stile di vita più stressante sono le cause principali di questo calo.

Quali sono le cause della sterilità?

Sterilità della donna
Tra le cause che provocano la sterilità nella donna ci sono

  • Alterazioni delle tube (40%): si tratta di difetti anatomici che impediscono il normale funzionamento delle tube. Spesso sono una sequela di processi infettivi infiammatori, come la malattia infiammatoria pelvica, infezioni puerperali o contratte in seguito ad un aborto, endometriosi, idrosalpinge, ecc. Tali alterazioni possono essere diagnosticate mediante tecniche complementari come radiografie, ecografie o endoscopie..
  • Alterazioni ovariche (40%): tra di esse si annoverano le insufficienze o disfunzioni ovariche, alterazioni della fase lutea, endometriosi, ecc.
  • Alterazioni anatomiche (10%): queste alterazioni sono spesso da mettere in relazione con gli aborti spontanei. Tra di esse si annoverano le aderenze uterine, polipi endometriali, fibromi, ecc.
  • Alterazioni della migrazione degli spermatozoi: la migrazione degli spermatozoi può essere ostacolata da infezioni vaginali, setti uterini, processi infettivi della cervice, ecc.

Sono anche causa di sterilità femminile le alterazioni della tiroide, le malattie sistemiche gravi, l’obesità, la magrezza estrema, l’abuso di droghe e altre sostanze tossiche, tra cui il tabacco e l’alcol.

Sterilità nell’uomo

Le cause maschili sono generalmente da attribuire alla cattiva qualità del seme. Le cause possono essere numerose, ma in ogni caso influiscono sulla produzione, mobilità e morfologia degli spermatozoi. È importante sapere che il fatto che l’analisi dello sperma sia normale, non significa necessariamente che gli spermatozoi siano fertili: ci sono innumerevoli possibili alterazioni degli spermatozoi che condizionano la loro capacità di generare un embrione viabile.

Interpretazione e parametri normali di uno spermiogramma.
Fondamentalmente in uno spermiogramma si analizzano la quantità, la motilità e la morfologia degli spermatozoi. Un conteggio normale deve superare i 20 milioni/ml. Se il conteggio è inferiore, si cataloga come “oligozoospermia”.

Per quanto riguarda la motilità, vi sono 4 parametri fondamentali:

  • Tipo D o grado 0: Sono gli spermatozoi che non si muovono. L’assenza di mobilità non indica necessariamente che siano morti.
  • Tipo C o grado +: Sono quelli che presentano motilità “in situ”, cioè si muovono sul posto.
  • Tipo B o grado ++: Spermatozoi che si spostano, ma molto lentamente o seguendo un percorso curvilineo.
  • Tipo A o grado +++: Sono quelli che si spostano velocemente, con una traiettoria rettilinea.

La motilità è considerata normale quando la percentuale di spermatozoi di tipo A è superiore al 25%, o la somma delle percentuali dei tipi A e B è superiore al 50%. Quando non si riuniscono queste condizioni, si parla di “astenozoospermia”.

Per quanto riguarda la morfologia, si possono seguire diversi criteri. Abitualmente si seguono i criteri stretti di Kruger, che determinano che uno spermatozoo è normale quando non presenta nessuna anomalia morfologica osservabile al microscopio, a 1000 aumenti. Lo sperma viene considerato normale quando la percentuale di spermatozoi normali è superiore al 14%, Altrimenti il campione viene catalogato come “teratozoospermia”.

Sterilità di origine mista
Esiste anche la cosiddetta sterilità di origine mista, ossia causata da entrambi i membri della coppia. Il fatto che la subfertilità sia bilaterale fa sì che la probabilità di gravidanza si riduca fino a divenire quasi impossibile.

Ma dov’è il problema?
Per scoprire le cause del ritardo nell’ottenere la gravidanza, si deve realizzare il cosiddetto studio di sterilità. È indicato sottoporsi a questi esami se non si è ottenuta la gravidanza in un anno di rapporti sessuali senza protezione.

Che possibilità di successo hanno le coppie che si rivolgono all’IMFER?

All’IMFER l’applicazione dei più alti standard di qualità unitamente alle conoscenze più innovative nel campo della riproduzione umana, un personale altamente qualificato e un rapporto caloroso con i nostri pazienti, fanno sì che le possibilità di successo siano le più elevate possibili. All’Imfer cerchiamo una soluzione a tutte le tue necessità.